Stai navigando con un browser obsoleto. Clicca qui e aggiorna il tuo browser per avere una migliore esperienza di navigazione.

Su una delle aree più particolari del Barbaresco

Scorri

Vista su colline spettacolari

La Vedetta sorge in una delle aree più particolari della denominazione del Barbaresco per posizione, microclima e morfologia dei vigneti.

Qui la vista spazia sulle colline più spettacolari della zona che, senza soluzione di continuità, gareggiano a riempire lo spazio del cielo: l’anfiteatro della Martinenga; le sinuose curve filari degli Asili, l’irta pendenza del Rabajà.

“A La Vedetta, la sensazione dominante è quella di essere immersi tra i filari: una terrazza che si affaccia sul cuore verde delle colline di Barbaresco.”

Cà Grossa

Barbaresco

Cà Grossa

Coltivata a nebbiolo, Cà Grossa rappresenta il nucleo qualitativo della produzione de La Vedetta e anche la sua caratteristica distintiva. Un cru di enorme potenziale espressivo ubicato a metà strada tra Roncagliette e Rio Sordo.

Pur possedendo 17 ettari all’interno di questa Menzione, soltanto 2 sono coltivati a vigneto. Si tratta delle superfici meglio esposte, in direzione est-sudest, dove i suoli marnosi e calcarei, tipici dell’area, incontrano un’alta percentuale di arenarie, circa il 15%, che regala ai vini un’invidiabile finezza aromatica.

Il microclima di Cà Grossa è peculiare. L’esposizione verso oriente, la vicinanza al fiume Tanaro e la presenza di boschi e noccioleti, garantiscono una particolare acidità alle uve qui raccolte, che si traduce in vini dalla spiccata freschezza e sapidità, capaci di lunghissimi invecchiamenti.

Una “dolce” biodiversità

La superficie non vitata e il fondovalle di Cà Grossa è occupata da boschi e noccioleti che preservano la biodiversità dell’area. Quest’ultimi furono piantati negli anni ’50 da mio nonno, Lorenzo Cillario, che conferiva il raccolto direttamente a Giovanni Ferrero, fondatore dell’omonima azienda che, proprio nel dopoguerra, gettava le basi per diventare uno dei più importanti brand del settore dolciario al mondo.

Località
Barbaresco
Estensione vigneti
2 ettari
Altitudine
200 m s.l.m.
Menzione Geografica Aggiuntiva
Cà Grossa
Suoli
Marne di Sant’Agata Fossili (argillosi-calcarei con buona percentuale di arenarie di diversa granulometria)
Tipo di allevamento
Guyot
Età media dei filari
30 anni
Sarasino

Castagnoloe delle Lanze

Sarasino

Gli appezzamenti de La Vedetta comprendono 1 ettaro e mezzo di vigneti a Sarasino, frazione di Castagnole delle Lanze. Una lingua di terra coltivata a barbera ed esposta in pieno sud, che segue sinuosamente il fiume Tanaro e rappresenta il confine meridionale tra la denominazione della Barbera d’Asti, sotto cui ricade, e quella del Barbaresco, rappresentata dalle Menzione Geografiche Aggiuntive Starderi e Serracapelli.

Il microclima caldo e ben ventilato, l’esposizione a meridione e i suoli del tutto simili a quelli del Barbaresco (marnosi-calcarei con buona percentuale di arenarie) donano Barbera d’Asti dal frutto squillante, dotate di ottima struttura e profumi delicati: intense e ricche di colore, capaci di grande freschezza e sapidità.

Località
Castagnoloe delle Lanze
Estensione vigneti
1,5 ettari
Altitudine
200 m s.l.m.
Suoli
Marne di Sant’Agata Fossili (argillosi-calcarei con buona percentuale di arenarie di diversa granulometria)
Tipo di allevamento
Guyot
Età media dei filari
15 anni